Come avviare Windows in modalità provvisoria per risolvere problemi

Il sistema operativo Windows è progettato con una struttura complessa composta da tanti processi e innumerevoli dipendenze.

Cosi come è possibile aggiungere e rimuovere hardware e software, possono accadere tanti tipi di problemi errori o conflitti diversi di cui, in alcuni casi, può essere molto difficile capirne la causa.

Più volte in queste pagine ho spiegato come tentare di capire e risolvere gli errori, a volte manualmente, a volte con tool automatici.

Avevo, però, fino oggi, dimenticato il primo passo fondamentale da compiere prima di ogni altra cosa.

Al di la di varie procedure, strumenti di diagnostica e di correzione dei problemi e degli antivirus, Windows fornisce uno strumento fondamentale che semplifica la ricerca della causa del problema e che diventa la base su cui lavorare.

Ogni volta che si cerca di risolvere un errore ed ogni volta che si cerca di rimuovere un’infezione da virus si deve avviare il computer in modalità provvisoria.

La modalità provvisoria di Windows (detta anche Safe Mode) è un’opzione di avvio per caricare il sistema operativo in modalità sicura e limitata.

Vengono infatti caricati in memoria soltanto i file e i driver di base, quelli assolutamente necessari, senza i quali un computer non partirebbe nemmeno.

Non vengono caricati nemmeno i driver della scheda video per cui la modalità provvisoria presenterà un desktop e una grafica da PC anni 90.

Per avviare Windows in modalità provvisoria, nei computer più vecchi bastava premere ripetutamente il tasto F8 dopo l’accensione, prima che appaia la schermata con il logo di Windows.

Per farlo è necessario un account di amministratore (chi usa il computer proprio è sempre sicuramente amministratore, per i PC aziendali può essere invece necessario l’intervento del responsabile tecnico).

Se appare Windows, vuol dire che non si è beccato il tempo giusto quindi, riavviare e riprovare.

Si riconosce invece che F8 ha funzionato quando compare una schermata con le opzioni avanzate di avvio.

Utilizzare i tasti freccia sulla tastiera per selezionare la modalità provvisoria (Safe Mode) dalle opzioni e premere poi Invio.

Si può scegliere se usare la modalità provvisoria con o senza supporto rete.

Avviare il computer con la rete attiva significa che ci si potrà collegare ad internet ed usare i servizi di rete cosa che è meglio non fare se si pensa di avere il PC infetto da un virus

Il problema con F8 è che alcuni produttori di computer disabilitano questa opzione e, anche su PC che lo supportano ancora, l’avvio di Windows (e in particolare il trasferimento tra il normale processo di avvio e l’avvio di Windows) accade è molto più veloce rispetto a qualche anno fa, dando poco tempo di premere il tasto.

Diversi modi per avviare Windows in modalità provvisoria

Per fortuna è possibile usare modi diversi per avviare Windows in modalità provvisoria.

1) Dal PC Windows acceso (in Windows 10 e Windows 8.1) si può usare la schermata degli strumenti di risoluzione dei problemi nell’ambiente di ripristino.

L’ambiente di ripristino include una serie di opzioni di risoluzione dei problemi e la Modalità provvisoria è una di queste.

Per aprire questa schermata di ripristino ci sono due modi.

Se il PC può avviare Windows normalmente, il modo più semplice per raggiungere l’ambiente di ripristino è tenendo premuto il tasto Maiusc quando si preme su Riavvia (che si può fare sia nella schermata di login iniziale che dal menu Start).

È inoltre possibile accedere all’ambiente di recupero tramite l’app Impostazioni, andando a “Aggiornamento e sicurezza” > Ripristino e poi sotto Avvio avanzato, premere su Riavvia ora.

Se il PC non avvia Windows normalmente, dopo due volte che l’avvio non funziona il computer dovrebbe automaticamente far comparire la schermata di Ripristino.

Se il PC non presentasse questa schermata, si può provare ad avviare il PC da un’unità di ripristino USB, che può essere creata anche da un altro computer.

Quando si arriva agli strumenti avanzati di risoluzione dei problemi, si deve prima premere il pulsante “Risoluzione dei problemi” e poi quello delle “Opzioni avanzate“.

Da qui, premere sull’opzione Impostazioni di avvio e premere su “Riavvia“.

Dalle opzioni di avvio avanzate, premere il numero corrispondente all’opzione di avvio che si desidera utilizzare (il tasto 4 è la modalità provvisoria).

2) Imporre l’avvio in modalità provvisoria da MSConfig (Windows 7, 8 e Windows 10)

Se si devono risolvere problemi sul PC che richiedono l’avvio in modalità provvisoria più volte, conviene imporre questa modalità di avvio in modo permanente (e poi disattivarla quando non serve più).

Per farlo, si può cercare dal menù Start o dalla casella Esegui di Windows 7 la parola msconfig.

Dalla finestra di Configurazione di sistema, passare alla scheda Opzioni di Avvio e, sotto, selezionare la modalità provvisoria, minima o con servizi di rete.

Questo, essenzialmente, obbliga Windows ad avviarsi in modalità provvisoria ogni volta che si riavvia il PC.

Per riavviare Windows normalmente, sarà necessario tornare allo strumento Configurazione di sistema e disabilitare l’opzione.

Per entrare in modalità provvisoria quando questa è bloccata a causa di errori c’è un piccolo tool di riparazione e ripristino della funzionalità chiamato SMFixer che ripristina il Safe Mode.

Premendo il pulsante Fix, il pc si riavvia e poi, premendo F8 dovrebbe entrare in modalità provvisoria.

Perchè e quando bisogna entrare in modalità provvisoria.

1) Si entra in modalità provvisoria di Windows per scoprire se i problemi sono causati da software installati, programmi incompatibili, da componenti hardware con driver errati oppure se la colpa degli errori è un file di sistema.

Se i problemi incontrati in precedenza scompaiono non appena si usa il computer in modalità provvisoria, si può ritenere che la causa degli errori sia di un programma o di un driver installato sul pc.

Anche se potrebbe essere qualsiasi cosa, almeno cosi siamo sicuri che il computer, di base, non è danneggiato e può sicuramente essere riparato senza chiamare tecnici o senza riformattare Windows.

2) Inoltre, come spero si sia imparato (se leggete Navigaweb.net), la maggior parte dei malware possono essere rimossi solo in modalità provvisoria.

Questo perchè questi virus sono software subdoli, nascosti dietro falsi nomi, automatici e programmati per contrastare ogni tentativo di rimozione.

In modalità provvisoria, invece, il malware, in genere, non viene caricato e quindi non può impedire di essere eliminato.

3) Ogni volta che Windows non si carica ed il computer non si avvia, si è costretti ad usare la modalità provvisoria che rappresenta l’ultima risorsa per tentare di riparare il pc

Lascia un commento